Monumento a Giaime Pintor - Rocchetta a Volturno

Giaime Pintor, di ascendenze sarde ed animo antifascista, fu una delle penne più promettenti dell’Italia del primo dopoguerra, portava avanti assieme alla scrittura sui periodici dell’epoca, l’opera di traduzione di testi esteri, collaborando tra i primi con la Giulio Einaudi Editore, casa torinese. Innamorato della libertà, prese parte ai movimenti che si schierarono contro i tedeschi durante il secondo conflitto mondiale e fu soldato del ricostituito Regio Esercito e dell’esercito britannico, perendo a ventiquattro anni a causa di una mina sulla Viktor-Linie tedesca. Il paese di Rocchetta a Volturno omaggia il patriota italiano ponendo un cippo bianco alla memoria sul luogo ove l’ordigno esplose sottraendo alla vita, alle arti, alla cultura, un uomo dagli alti ideali.