Cimiteri militari di Nettuno

Il secondo conflitto mondiale ha lasciato tracce della ferocia dei combattimenti nell’animo di chi ha preso parte alle battaglie, di chi ha vissuto inerme gli scontri e delle popolazioni dei territori interessati dalla guerra. La costa tirrenica è stata protagonista, nel 1944, di una delle operazioni di maggiore memoria storica, lo sbarco di Anzio, che i cimiteri militari presenti a Nettuno intendono tramandare alle generazioni future, mantenendo saldo il ricordo delle genti che hanno sacrificato la propria esistenza per la libertà. Nel Cimitero americano prende posto sul luogo di sepoltura temporaneo dello sbarco, accogliendo le spoglie dei cittadini americani periti nelle operazioni Husky (sbarco in Sicilia), Avalanche (Salerno) ed Anzio. Il Sicily – Rome American Cemetery and Memorial, questo il nome originale, vide nel 1994, in occasione del cinquantenario della incursione alleata anziate, la visita dell’allora presidente americano Clinton. Il Campo della Memoria custodisce il ricordo dei defunti dell’al tempo fronte avverso, essendo dedicato ai militari della Repubblica Sociale Italiana e del reparto di fanteria della Marina Nazionale Repubblicana, appartenente alla Flottiglia X MAS, Barbarigo.